Cupcake alla mia maniera

I cupcake sono dolcetti di origini americane che assumono la forma di piccole tortine. Assumono nomi diversi a seconda del paese dove viene preparato. Ad esempio, in Inghilterra vengono chiamati fairy cake mentre in Australia patty cake. In Italia, invece e come al solito si tende di lasciare i nomi stranieri, italianizzandoli. Anche perchè la traduzione di cupcake significa torta in tazza e per quella c’è anche una ricetta ma è da fare nel microonde quando si ha voglia di un dolce lampo! Queste tortine sono ideali per feste di compleanni, visto che sono già porzionate, pratiche, veloci da preparare e, soprattutto, colorate ed allegre.

img-20160630-wa0001-1.jpg

Costo: basso

Difficoltà: bassa

Tempo: 1h cottura più 1/2h di decorazione

INGREDIENTI:

5 uova,

1 bustina di vanillina,

2 bicchieri di olio di semi,

2 bicchieri di latte,

la scorza grattuggiata di un limone,

400 gr di farina,

400 gr di zucchero,

1 bustina di lievito.

Per decorarare:

200 ml di panna dolce da montare,

1 bustina di vanillina,

2 cucchiai di miele millefiori,

1 foglio di colla di pesce,

codette colorate q.b.

PROCEDIMENTO:

In un recipiente capiente versare prima tutti i composti liquidi, poi aggiungere tutti quelli solidili. Mescolare bene con una frusta (o con lo sbattitore) per evitare grumi. Accendere il forno e far scaldare a 200°. Nel frattempo prendere la teglia per i muffin e mettervi dentro i pirottini di carta, versarvi un pò di composto superando di poco la metà dei pirottini. Infornare in forno statico per 15-20 min. Usciranno all’incirca 48-50 cupcake.

Per quanto riguarda la decorazione, ho preferito usare la panna montata anzichè della crema al burro poichè troppo pesante e poi rischia di stomacare. Quindi montare la panna con la bustina di vanillina, aggiungervi i due cucchiai di  miele e infine, versare a filo la colla di pesce, precedentemente ammollata in acqua fredda e sciolta a bagno maria .

Una volta pronta, versate la panna in una tasca da pasticcere e fate dei ciuffetti sopra i cupcake e sbizzarritevi con le codette che più vi piacciono!

 

 

Annunci

Crostata alla confettura di albicocca

20150131_143412 (2)

Non so di preciso se la crostata sia nata prima o dopo della pastiera, probabilmente, molto prima, ad ogni modo, sebbene sono gusti e ricette diverse, hanno in comune la forma! A seconda dei gusti si può preferire l’una o l’altra anche se una si fa solo a Pasqua (o meglio così si vuole, ,mica è proibito farla negli altri periodi, no?) Ad ogni modo, la crostata generalmente viene farcita con la confettura di albicocca ma si può cambiare a seconda dei gusti!

tempo:  90 min

costo: medioPROCEDIMENTO:

difficoltà: bassa

INGREDIENTI:

Per la pasta frolla:

500 gr farina 00

300 gr di burro

100 gr di zucchero a velo

100 gr di zucchero semolato

1 uovo

1 tuorlo

1 pizzico di sale

buccia di limone gratt.

1/2 bacca di vaniglia.

per farcire:

600 gr di confettura di albicocca ideale per cotture

PROCEDIMENTO:

Mettete nella planetaria il burro e lo zucchero e fate girare fino a formare un composto morbido, aggiungete le uova, la farina setacciata, la vaniglia, la buccia di limone e il pizzico di sale. Otterrete così un impasto morbido, liscio e omogeneo. Fate attenzione a non scaldare troppo la pasta. Riporre in frigo a riposare coperta da pellicola, per 30 min. Prendete uno stampo da crostata, imburratela e infarinatela.

Trascorso il tempo, prendete il panetto e stendetelo  allo spessore di 1/2 cm, rivestite la tortiera, bucherellate il fondo con l’aiuto di una forchetta, versate la confettura di albicocca stendetela livellandola e con la pasta rimasta ristendete e fate delle strisce con un tagliapasta seghettato o liscio e disponetele sulla tortiera in modo da creare delle losanghe.

Cuocere in forno preriscaldato a 175 °c per 20- 25 min circa.

Fate raffreddare e mangiatela!

 

 

 

 

Gnocco fritto

gnocco fritto

Lo gnocco fritto è una denominazione tipica della provincia di Modena, Reggio Emilia e Bologna. Un prodotto tipicamente Italiano, bastano solo pochi ingredienti poveri per avere un grande risultato da accompagnare con dei salumi o altro in base alla vostra fantasia. La tradizione vuole che lo gnocco sia fritto nello strutto ma per una versione un pò più leggera potete optare per l’olio di arachidi.

Difficoltà: bassa

Costo: basso

Tempo: 1,30′

Ingredienti:

500 gr farina 0

15 gr di lievito di birra

70 gr strutto

10 gr zucchero

12 gr sale fino

250 ml circa di acqua fredda.

olio di arachidi o strutto q.b.

Procedimento:

Disponete la farina a fontana, sciogliete il lievito nell’acqua, aggiungete lo zucchero, versate tutto nella farina e iniziate ad impastare.Aggiungete lo strutto morbido e poi alla fine il sale, deve risultare un impasto morbido e liscio. Lasciare lievitare per 30 min circa coperto da un panno umido.

Stendere la pasta con il matterello ad uno spessore di 3 mm. Con l’aiuto di una rotella tagliare dei rombi.

Friggerli in olio caldo a 170°C, avendo cura che siano dorati da ambo le parti. Scolateli su carta assorbente da cucina.

Servirli ancora caldi accompagnati da salumi o altro.

Buon appetito!

 

Bavarese all’arancia in trasparenza

20140123_144727

Dopo un pranzo o una cena che si rispetti, non può mai mancare il dolce! E’ preferibile che sia al cucchiaio e monoporzione così sarà più facile servirlo e ovviamente gustarlo. In più prepararlo in casa, dà sempre quella marcia in più, senza quei soliti semifreddi, comprati, privi di genuinità!

 

Tempo: 40 min più 2 ore per profumare

costo: basso

difficoltà: bassa

INGREDIENTI:

200 ml di latte

2 tuorli

60 ml di succo arancia

le zeste di 2 arance non trattate

65 gr di zucchero semolato

8 gr di colla di pesce tipo bronzo

100 gr panna semi montata.

per decorare :

40 gr di pasta sfoglia

ribes q.b.

PROCEDIMENTO:

Prima di tutto aromatizzate la panna con le zeste d’arancia e lasciatela riposare in frigo coperto da pellicola per 2 ore circa. In una bacinella capiente mettete a bagno la colla di pesce in acqua fredda. Montate i tuorli con lo zucchero, scaldate la panna con le zeste fino alla temperatura di 80 °C, aggiungete il composto di uova, rimettete sul fuoco alla temperatura massima di 84 °C girando continuamente come se fosse una crema inglese. Aggiungete la colla di pesce strizzata, fate sciogliere e poi filtrate con un colino a maglie fini. Lasciate raffreddare e aggiungete la panna.

Prendete dei bicchieri da vino liquorosi e versate dentro il composto come nella foto. Con la pasta sfoglia fate dei manici intrecciate e cuocete in forno statico preriscaldato a 200 °C per 15 -18 min (dipende dal forno). Servite a tavola ai vostri amici!

 

 

Torta cioccolato al latte e nocciole

20160508_202912-1.jpg

Ieri, per la festa della mamma, ho deciso di preparare questo dolce. Facilissimo e velocissimo da fare. La granella di nocciole all’interno dà quella croccantezza che non può mancare. In più, è un modo per eliminare un po’ di cioccolato accumulato a pasqua, che è sempre al latte e non si sa mai come smaltirlo. Molto meglio e più salutare quello fondente!
Ingredienti :
250 Gr cioccolato al latte
3 uova grandi (o 4 medie)
100 gr di burro
100 ml di latte
80 gr di zucchero
200 gr di farina
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
30 gr di granella di nocciole
PROCEDIMENTO:
Far sciogliere in una pentola antiaderente il cioccolato con burro, latte e zucchero. Una volta raggiunta la consistenza densa, spegnere e far raffreddare. Versare in un recipiente il composto di cioccolato e versare gradatamente la farina setacciata, alternando con un uovo per volta. Mescolando bene con un cucchiaio di legno, aggiungere un pizzico di sale mescolare e infine il lievito e la granella di nocciole, serbandone un pizzico per decorare la superficie. Imburrare e infarinare una tortiera del diametro di 28 cm e cuocere in forno statico a 180° per 45 Min.

Macaron agli albumi montati

Esistono molti modi per preparare i macaron fra cui due principali: uno consiste nel cuocere lo zucchero, l’altro nell’utilizzare gli albumi montati. Anche la cottura può variare a seconda se il forno è statico o ventilato. Molto importante è la qualità degli albumi, la provenienza delle mandorle, il tipo di zucchero a velo (se contiene amido o meno). Molto importate è che gli albumi siano chiarificati almeno 48 ore prima dell’uso.

wp-1461270780709.jpeg
Come potete notare, i macarons sono molto delicati, fate attenzione quando li assemblate.

costo: medio

tempo: 60 min più 48 h per gli albumi

difficoltà: facile

Ingredienti:

250 gr polvere di mandorle

450 gr  zucchero a velo

200 gr albumi

60 gr zucchero semolato

GUARNIZIONE E AROMI:

per macaron al cioccolato:

40 gr cacao in polvere

per macaron al limone:

6 gocce di olio essenziale di limone

colorante giallo Q.B.

per macaron alla fragola:

20 cl di sciroppo di fragola

6 gocce di colorante rosso

 per macaron al caffè:

20 cl di caffè espresso ridotto

per macaron alla noce di cocco:

50 gr polvere di cocco secca.

PROCEDIMENTO:

Passare nel mixer la polvere di mandorle e lo zucchero a velo, poi setacciare la miscela ottenuta. Deve risultare asciutta e fine. Montare gli albumi nella planetaria aggiungendo progressivamente lo zucchero semolato, fino a ottenere degli albumi molto sodi. Incorporarne una parte nella miscela di mandorle e zucchero a velo, poi aggiungere il resto degli albumi. Introdurre la massa in una tasca da pasticceria (sac a poche), munita di bocchetta liscia. Formare delle mezze sfere su fogli di carta forno. Lasciare riposare per una ventina di minuti, a temperatura ambiente, formando cosi una crosticina. Cuocere in forno ventilato  a 160°C per 10 min. circa.

All’uscita dal forno, farli raffreddare e guarnire  a piacere con le creme che più vi piacciono

Aromatizzazione:

le guarnizioni e gli aromi verranno aggiunti nel seguente modo:

il cacao in polvere o la polvere di cocco mescolati nel composto di mandorle e zucchero a velo.

mentre per i liquidi come sciroppo, caffè ecc, verranno incorporati negli albumi montati.

Tartellette di frutta fresca

20160416_214628_resized

La foto parla da sè, non c’è niente di meglio, nella bella stagione, gustare frutta e dolce assieme!

costo: medio

tempo 1h e 3o min

difficoltà: facile

INGREDIENTI:

250 gr farina 00 setacciata

150 gr burro a pomata

100 gr zucchero semolato

1 uovo intero

1 bustina di vanillina

1 pizzico di sale

PER LA CREMA PASTICCERA:

50 cl latte intero

100 gr zucchero semolato

4 tuorli

45 gr farina oo

1 bustina di vanillina

PER GUARNIRE:

frutta di stagione Q.B.

gelatina neutra Q.B.

PER LA PREPARAZIONE DEI FONDI DA TARTELLETTA:

Lavorare il burro con lo zucchero, aggiungere l’uovo e mescolare. Incorporare la farina, la vanillina e il sale in modo da ottenere un impasto omogeneo e liscio. Far riposare per 1 ora in frigorifero. Stendere la pasta dello spessore di 2 mm e foderare gli stampini da tartelletta. Far riposare per 30 min. in frigorifero. Cuocere in forno preriscaldato a 170°C per 10 minuti. Sformare e tenere da parte fino a raffreddare.

PREPARAZIONE DELLA CREMA:

Portare a ebollizione il latte con la vanillina. Sbattere le uova con lo zucchero, fino a ottenere un composto cremoso, poi aggiungere la farina e versare una parte del latte, sbattere bene. Mescolare, riversare il tutto nel latte ancora caldo e portare a ebollizione mescolando energicamente con la frusta. Trasferire su una teglia, coprire con pellicola e tenere in frigorifero.

Tagliare i frutti, riempire le tartellette con la crema pasticcera con l’aiuto di una sac a poche, guarnire con la frutta armoniosamente. Gelatinare e riporre in frigorifero.