La noce moscata

 

macis-e-noce-moscata-15541711

La noce moscata è una spezia di origine indonesiana, il seme infatti si chiama noce moscata mentre il guscio (la parte esterna che racchiude il seme) si chiama macis.

Questo seme, dal sapore e odore molto particolare, è molto utilizzato in cucina e in pasticceria, per aromatizzare budini, crema ma anche besciamella, purè, ripieni di tortellini, ravioli ecc.

Purtroppo questa spezia contiene una sostanza neurotossica chiamata MIRISTICINA, che se usata in quantità elevate provoca allucinazioni e convulsioni, molto pericolosa anche per il feto in gravidanza.

Io consiglio di usare il macis, ha un sapore molto delicato, un colore più chiaro, utilizzato nelle creme al formaggio, si nota di meno rispetto alla noce moscata e non incide molto sul sapore. In India è usato come miscela per la famosissima spezia il curry.

Usatela con accortezza e senza esagerare.

Che cos’è l’Anisakis?

 

L’anisakis è un parassita intestinale presente in numerosi animali marini come tonno, salmone, acciuga, sardina, sgombro, merluzzo, nasello, ma sopratutto per l’80% nelle triglie. Questo parassita vive nelle viscere dell’animale ma penetra anche nelle sue carni se quando catturato non viene subito eviscerato. Quando l’uomo mangia pesce infetto crudo o semi crudo le larve ancora vive possono attaccarsi sulle pareti dell’apparato gastrointestinale dallo stomaco fino al colon. Come evitarlo: l’Anisakis e le sue larve muoiono se sottoposti a +60 °C, oppure dopo 96 ore a – 15°C , 60 ore a -20°C, 12 ore a -30°C, 9°C ore a – 40°C. Questo vale anche per i pesci d’allevamento, ma non vale per i crostacei (scampi, gamberi, astici e aragoste) e i molluschi come ostriche, vongole e cozze perché privi dell’apparato intestinale.

I pericoli maggiori provengono dai ristoranti e dal consumo casalingo. Purtroppo non tutti i ristoranti seguono queste indicazioni, poiché i casi sono in aumento e la causa principale molto spesso sono le alici marinate, evidentemente non sottoposte a congelamento preventivo.

 

Lo sai che:

Hai dei limoni e non sai come utilizzarli? Sai che puoi ottenere un buonissimo sciroppo di limone? E’ facilissimo prepararlo. Basta spremere i limoni e filtrarli. Versare il succo ottenuto in un dosatore e vedere a quanti ml corrisponde, così da poter misurare allo stesso livello lo zucchero. Versare succo e zucchero in una pentola, mescolare, portare ad ebollizione fino a quando non raggiunge una consistenza densa. Lasciar raffreddare e versarlo in una bottiglia di vetro. Conservare in frigo per un paio di mesi. Quando si vuole bere qualcosa di rinfrescante, versare un pò di sciroppo in un bicchiere e diluire con dell’acqua. Bibita naturale e rinfrescante al 100%.

Presentazione…

L’idea di questo blog nasce per scherzo nel pomeriggio del 26 marzo 2016. Lo chef, di origini siciliane, aiuta l’amica della sua fidanzata (appassionata da sempre di cucina) a preparare le pastiere per il giorno di Pasqua. L’idea, che ha in mente da molto tempo, lui la butta lì, così, e lei, entusiasta, accetta di aiutarlo. Un professionista e una dilettante, assieme con l’intento di darvi ricette, consigli e curiosità sulla meravigliosa arte della cucina. Ci sarà di tutto, dal riciclo degli ingredienti alle ricette super facili che potrà fare anche un bambino, fino a quelle più “sofisticate” ed elaborate per sbalordire gli invitati più esigenti! Basta solo seguirci!